Lo shopping come l'hai sempre sognato.....

P. Iva 04751950264

Mogliano Veneto - Treviso - Italy

mob: +39 3395855133


carla@mypersonalshopperinvenice.com

Lo shopping di qualità (4) Esempi di sartorialità

27.11.2015 14:01

Per concludere gli articoli dedicati allo shopping  di qualità, vi porto 2 esempi significativi di prodotti fatti "su misura": la camicia e la calzatura.

LA CAMICIA

Vediamo quali passi compie il cliente che decide di farsi una camicia “su misura”:

  • Sceglie il negozio o il laboratorio magari per passaparola
  • Sceglie il tessuto per il confezionamento della camicia (fantasia, tinta unita, tessuto operato, righe) a seconda del tipo d’uso della camicia che vuole indossare: sportiva, casual, classica,  da cerimonia. Già la scelta del tessuto differenzierà il prezzo della camicia: più il titolo ossia la “grossezza del filato” con il quale è prodotto il tessuto è alto, più il  tessuto é pregiato e più il prezzo sale.   
  • Sceglie la forma del colletto, dei polsini e del carré della camicia, sempre in  base alla funzione della camicia: il button down ad esempio è un collo adatto per una camicia sportiva e non vuole la cravatta anche se ormai tutti gli uomini la mettono lo stesso.
  • Sceglie se desidera le cifre iniziali del proprio nome e cognome ricamate sulla camicia

E fino a qui il protagonista è il cliente.

 

 

 

 

Da questo momento il protagonista diventa il sarto che opererà in questo modo:

  • Prende le misure fisiche del cliente. Anche qui in base alla tipologia della camicia, si sceglie la vestibilità più o meno ampia
  • Prepara “una camicia di prova”, un prototipo in altro tessuto che rimarrà   come “camicia di riferimento del cliente” nell’archivio, per cui si userà questo prototipo base per successive confezioni (a meno che il cliente non cambi vestibilità ecc…)
  • Procede al confezionamento della camicia ponendo particolare attenzione ai dettagli quali:

          Bottoni in madreperla e non in plastica                    

         Stecche estraibili nel colletto classico  

         Cuciture a punti fitti

         Asole fatte a mano    

         Rinforzo sugli spacchi laterali

         Righe spalle/maniche allineate 

Come potete capire, il grado di personalizzazione e cura dei dettagli è massima e giustifica il prezzo che può essere notevolmente superiore rispetto a quello di una camicia industriale.

LA CALZATURA

Un altro esempio di sartorialità è nella produzione di calzature fatte a mano. Se vorrete, visiteremo proprio qui a Venezia un atelier in cui la proprietaria fa a mano le calzature e vedrete le forme in legno delle scarpe, le tomaie in pellami differenti che poi vanno assemblati alle suole e via dicendo…

Si parte sempre dalla scelta del cliente del tipo di calzatura, modello e pellame.

Le varie fasi di produzione della scarpa artigianale

  • Ancora una volta vanno prese le misure del piede : lunghezza, circonferenza, circonferenza del sottocollo e del collo del piede, passata o entrata del piede
  • Si costruisce la forma di legno partendo da una forma standard che si modella a seconda delle misure prese
  • Si prepara il modello di carta per la tomaia che servirà per tagliare la pelle
  • Si taglia la pelle e si cuciono i vari pezzi tra loro e con la fodera
  • Si procede poi alla pre-montatura , cioè alla montatura provvisoria della scarpa sulla forma con i chiodini
  • Si prepara il fondo della scarpa costituito da vari strati
  • Si procede all’operazione di montaggio dei diversi componenti: tomaia, suola, elementi interni che garantiscono l’impermeabilità, tacco – costruito in vari strati e modellato a seconda del tipo di scarpa
  • Infine si arriva al “finissaggio”. Finitura del fondo che si tinteggia con l’anilina, sformatura (dopo 10 giorni la scarpa può essere estratta dalla forma di legno) e lucidatura manuale della tomaia e del fondo.

                                                                       Credits:Stefano Bemer archivista

 

IL MADE IN ITALY

Per concludere in nostro discorso, parliamo di “Made in Italy”.

Possiamo considerare il «Made in Italy» una vera e propria marca che include non un solo prodotto ma tanti prodotti e si identifica con una serie di valori che rimangono nel tempo e superano la stagionalità:

la qualità del prodotto - un elemento materiale che tocchiamo con mano e che racchiude una serie di parametri che abbiamo visto nella costruzione delle camicie e delle scarpe

la creatività che contraddistingue lo stile italiano

l'innovazione ossia la marcia in più per migliorare

E infine un valore di “affettività”. Made in Italy evoca un luogo al quale associamo altre esperienze personali: un viaggio, un’atmosfera, un ricordo.

Il prodotto diventa ricordo